Le dimore storiche: nuova frontiera del turismo

Il turismo in Italia si evolve e va alla ricerca di soluzioni diverse che possano da una aprte aumentare il flusso di turisti e dall’altra adattarsi ed andare incontro alle loro esigenze che vanno diversificandosi ed ampiliandosi.

Per far questo si sta cercando sempre di più di dare spazio a tipologie diverso di turisro, dall’eco-sostenibile a quello che vuol far rinascere spazi nuovi. In quest’ottica si inseriscono le dimore storiche.

Queste ultime sono residenze costruite per lo più tra il XVIII ed il XX secolo e rappresentano i luoghi dove l’aristocrazia e l’alta borghesia italiana si ritirava per trascorrere periodi di vacanza o semplicemente di relax. Va da sè che la collocazione geografiche delle stesse fosse distante dalle città, e quindi lontana dalle preoccupazioni della vita quotidiana, e molto spesso immerse nel verde ed a contatto con la natura. Spesso si trovavano sulle colline intorno alle città, per godere in questo modo dell’aria pulita.

Ci sono molte dimore storiche, sparse lungo lo stivale, che vengono riqualificate ed utilizzate per uno specifico turismo: quello che porta le persone a scoprire non solo le strutture architettoniche, le rifiniture e le opere d’arte, di pittura o sculture, che vi sono al loro interno, ma anche la società stessa dei secoli scorsi in un percorso storico e sociologico a ritroso.
Alcune regioni italiane sono particolarmente impegnata in questa nuova frontiera del turismo. Tra queste Piemonte, Lombardia, Toscana, Campania e Sicilia.

La maggior parte delle dimore storiche presenti in quest’ultima regione sono concentrate pooc fuori il capoluogo, sulla Piana dei Colli ed alcune vengono oggi utilizzate anche come villa per ricevimenti a Palermo.

Le iniziative per sviluppare il turismo delle dimore storiche in tutte le regioni citate si moltiplicano: ci sono week end in cui è gratuito visitarle, è stata inaugurata una mostra in Campania per andare alla scoperta di quelle delle provincie di Caserta e Benevento, mentre in Piemonte molte di esse vengono utilizzate anche come luogo dove svolgere mostre d’arte e degustazione di prodotti tipici.

L’obiettivo è comunque comune a tutto il Paese: far sì che l’Italia sia il punto di riferimento turistico mondiale e sfruttare al massimo le inestimabili bellezze presenti sul nostro territorio.

2 thoughts on “Le dimore storiche: nuova frontiera del turismo

  1. […] da ogni angolo d’Europa. L’Elba può essere una interessante variante o escursione ad una vacanza in Toscana. #gallery-1 { margin: auto; } #gallery-1 .gallery-item { float: left; margin-top: 10px; […]

  2. […] in Piazza Duomo il visitatore viene letteralmente circondato da monumenti ed antichi palazzi di mirabile bellezza, tra questi ultimi citiamo il bellissimo Palazzo Arezzo di San Filippo. Il […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>