Isola di Santo Stefano, in vendita un altro patrimonio Italiano

isola-di-santo-stefanoLa notizia della vendita dell’Isola di Budelli ha suscitato non poco clamore, una delle perle dell’Arcipelago della Maddalena è divenuta proprietà di un privato cittadino neozelandese; ma la splendida isoletta sarda non è l’unico bene del patrimonio naturalistico italiano ad essere stato immesso sul mercato immobiliare. Dal 29 settembre anche l’Isola di Santo Stefano, nell’Arcipelago Pontino, è in vendita al migliore offerente.

L’annuncio è comparso su un noto sito di mediazioni immobiliari e in poche ore la notizia è rimbalzata da un capo all’altro della Nazione; l’annuncio specifica chiaramente che le trattative saranno anonime e riservate.

Ad essere posta in vendita è una superficie pari a 25 ettari dell’Isola di Santo Stefano, quindi non la totalità; sull’isola circa tre ettari sono occupati dalla dismessa Cittadella Carceraria Borbonica, l’antica prigione risalente al 1795 e in disuso dal 1964. Tra le curiosità legate a questo storico istituto di pena è interessante sapere che ha “ospitato” il giovane Sandro Pertini, divenuto successivamente Presidente della Repubblica Italiana. L’area della Cittadella Carceraria è demaniale e quindi non verrà inclusa nella vendita.

L’Isola di Santo Stefano, al pari di Budelli, è integrata in un’area marina protetta la quale, dopo la costituzione, ha permesso di proteggere l’ecosistema e l’integrità dei fondali, ricchi di specie ittiche e flora marina. Quasi tutta l’isola rientra nella Fascia A dell’Area Marina Protetta di Ventotene e Santo Stefano, la zona con le massime restrizioni per il transito delle imbarcazioni, per le immersioni e con il divieto assoluto di pesca di ogni tipo.
Da alcune indiscrezioni pubblicate su diversi siti di informazione sarebbero già arrivate delle proposte di acquisto per l’Isola di Santo Stefano

[Photocredit: Bibigi su flickr.com]

One thought on “Isola di Santo Stefano, in vendita un altro patrimonio Italiano

  1. MI spiace molto che un’isola del genere possa essere privata, ma anche se fosse rimasta accessibile non so quanto sarebbe stato utile
    Grazie dell’articolo

    Alex

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>