Vacanza a Napoli: riscoprendo un tesoro italiano

Simbolo della cultura mediterranea e per molti vero e proprio emblema dell’ibridazione culturale, che proprio nel Mediterraneo ha trovato terreno fertile: Napoli è sempre più una capitale del Sud d’Italia.
Una città controversa e per certi versi anche fortemente contraddittoria, Napoli si presenta al turista come una sorta di miscela esplosiva fatta di colori, profumi, suoni…ma anche di lacerazioni, rumori e privazioni.

Un turista che si attende una città “linda e pinta”, una Parigi del Mediterraneo pronta ad attendere il turista con mille servizi ed opportunità create ad hoc per l’accoglienza. Napoli è così come la si vede, non si nasconde e non si trasforma.



Non pensa nemmeno di alzare su una maschera per presentarsi in maniera più “turistica” ma la si apprezza nella sua genuinità.

Piazze affollate e vicoletti stretti e alti caratterizzano il dedalo urbanistico che fa di Napoli una sorta di labirinto in cui puoi districarti solo se hai la pazienza di attendere i tempi della città.
Napoli si sviluppa tra il mare e la collina, il porto con la sua nuova conformazione modello open space ottenuto con l’abbattimento dello storico muro di cinta che lo separava dalla splendida Piazza del Municipio e il suo Maschio Angioino; la collina del Vomero invece ha visto sempre più consolidarsi il ruolo di salotto d’elitè secondo in città solamente alla zona del lungomare di Chiaia e del famoso colle di Posillipo.

Si consiglia sempre quindi di visitare Napoli da vero napoletano, pernottando città in uno dei bed and breakfast Napoli dove è possibile dormire e fare una prima colazione magari assaggiando una sfogliatella frolla o un buon caffè napoletano.


Secondo molti non c’è possibilità alcuna di individuare un itinerario univoco per il turista che arriva a Napoli, sono tante infatti le cose da vedere e i luoghi da visitare: il Castel dell’Ovo, il Maschio Angioino, lo storico museo archeologico nazionale e quello di Capodimonte, Piazza del Plebiscito e il teatro San Carlo….tanti sono i luoghi da consigliare e per questo motivo preferiamo dedicare a ciascun itinerario un articolo dedicato. Quindi alla prossima!

[Foto: www.kub.it]

Tagged with 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>